SC Balerna

100 panchine e oltre!

Domenica 28 maggio 2017 i nostri allenatori hanno festeggiato la panchina di campionato numero 100. Ripercorriamo gli anni passati a Balerna

 Stagione 2012/2013

La prima stagione di Giovanni e Stefano Scali può essere definita tranquillamente una sorta di anno zero per il calcio femminile a Balerna. Al primo allenamento, le ragazze tesserate e ancora in rosa erano poco meno di una decina. In quel mese di luglio iniziò il duro lavoro non solo dello staff ma anche delle giocatrici. Con calma e dedizione, Giovanni e Stefano, assieme alle giocatrici, al restante staff e a tutta la società, hanno ricostruito qualcosa, ponendo le basi per i successivi anni. Il campionato di seconda lega terminò al secondo posto a parimerito del Willisau ma con una peggiore classifica fairplay, con la decisiva e cocente sconfitta che negò la vittoria del campionato sul campo del Küssnacht (2 a 1). Un obiettivo inimmaginabile a inizio stagione.

Stagione 2013/2014

Il secondo anno può essere definito quello del consolidamento. Le giocatrici a disposizione aumentano e il gruppo piano piano si consolida. Giovanni e Stefano proseguono per la loro strada e i risultati sembrano dar loro ragione. Il Willisau, già vincitore l’anno precedente, fa corsa a sé per quasi tutto il campionato, ma a 4 giornate dal termine inizia a rallentare. Il Balerna mette la freccia, vince lo scontro diretto e sorpassa. Il campionato termina con la vittoria casalinga per 4 a 2 contro il Küssnacht che permette alle ragazze di essere campionesse di Seconda lega e conquistare la promozione. In seconda lega in 36 partite su due anni il Balerna conquista 24 vittorie.

Stagione 2014/2015

Forse l’anno più difficile da allenatori, ma anche per le ragazze. La squadra milita nella nuova Prima lega composta unicamente da due gironi a livello svizzero. La differenza rispetto alla Seconda lega è molta. Con tre retrocessioni su 12 squadre l’obiettivo della salvezza, per una neopromossa, sembra una chimera. Pochi avrebbero scommesso un franco. In squadra giungono un paio di innesti oltre che a 3-4 ragazze dal settore giovanile, che permettono di compiere un ulteriore salto di qualità. Il campionato è fatto di alti e bassi, tra vittorie risicate ma importantissime (come dimenticare il 6 a 5 a Malters) e sconfitte a volte anche pesanti. A Pasqua le ragazze conquistano il torneo di Lugano categoria U21 battendo la Juventus in finale. Destino vuole che la salvezza si giochi all’ultima giornata proprio in uno scontro diretto. L’Altstetten ha 22 punti ed è terzultimo, il Balerna ne ha 24 ed occupa la prima posizione che permette di salvarsi. La classifica fairplay vede in svantaggio le momò. Basta però un pareggio per salvarsi. Dopo un primo tempo chiuso a reti inviolate, nel secondo tempo si portano avanti le zurighesi. La tensione è tanta. Ma a 5 minuti dal termine giunge un insperato gol liberatorio. Il pareggio finale permette al Balerna di salvarsi. Grandi le emozioni, ancora di più la gioia.

Stagione 2015/2016

Al secondo anno di prima lega, le ragazze e anche gli allenatori, hanno maturato quell’esperienza necessaria per affrontare questo campionato. L’obiettivo, oltre al gruppo, resta sempre lo stesso: la salvezza. Per quanto concerne la rosa, il Balerna ha l’onore di annoverare tra le sue giocatrici una ex nazionale. Nonostante le immancabili scoppole subite sovente in trasferta, il Balerna conquista la salvezza con 2 giornate di anticipo con la classica partita perfetta sul campo del Gossau. Vittoria 4 a 1 (2 Canetta e 2 Lurati) e permanenza in Prima lega in tasca. Niente più festa grande ma comunque grande soddisfazione!

Stagione 2016/2017

La terza stagione consecutiva in Prima lega vede le ragazze del tandem Scali conquistare la salvezza con 3 giornate di anticipo. Un ulteriore miglioramento rispetto alla passata stagione. Il campionato inizia col botto con 3 vittorie in 3 partite facendo sognare tutto l’ambiente. Successivamente il Balerna fa il suo campionato garantendosi il quarto anno consecutivo in questa categoria.

La prima partita ufficiale nonché esordio in Seconda lega e prima vittoria: Domenica 26 agosto 2012, Balerna – SC Schwyz, 1 a 0 il risultato finale con rete di Amato dopo pochi minuti.

Partita decisiva in Seconda lega: domenica 1. Giugno 2014, SC Balerna – FC Küssnacht 4 – 2 (2 Lurati, Maiorano, Ricci).

L’esordio in Prima lega: domenica 17 agosto 2014, FFC Südost Zürich 1 – SC Balerna 3 : 1, gol di Lurati.

Prima vittoria in Prima lega: domenica 14 settembre 2014, SC Balerna – FC Bühler 3-2 (2 Lurati, 1 Romelli)

Partita decisiva in Prima lega: domenica 14 giugno 2015 FC Altstetten – SC Balerna 1-1 (Tosi)

100esima panchina in campionato: domenica 28 maggio 2017, SC Balerna – FC Rapperswil-Jona 3-3 (2 Canetta, 1 Romelli)

 

Citazioni preferite:

“Mia, tua, di mia sorella”

“Ragazzi, per cortesia!”

“La passi a lei, che la passa a lei, che la ripassa a lei”

“In settimana sembriamo il Real Madrid, poi arriviamo alla domenica e boh”

“Quest’anno vogliamo fare quell’ulteriore passo avanti”

“Porca nave”

“Davanti alla porta tiriamo sempre scamorze”

“Non siamo la Juve e noi non siamo Allegri”

“L’anno prossimo cambiamo modulo”

 

Grazie a tutte le ragazze, dalla prima all’ultima, che sono la colonna portante della squadra. Alla società e a tutte le persone che ruotano attorno al Balerna e che contribuiscono alla causa.

Related Posts

Grandi ragazzi, il derby è nostro!!

Il derby con il Castello al Balerna! La squadra di Pichierri strappa una importantissima vittoria nel derby dell’ultima giornata di andata. Partita non bellissima ma di buona intensità, con due squadre scese in campo per vincere, anche a costo di concedersi qualche rischio, il Castello di mister Copelli ha provato fino all’ultimo a riacciuffare un […]

Read More

Si chiude con una sconfitta, ma complessivamente l’andata delle ragazze è soddisfacente

Sabato sera si è chiuso il girone di andata delle nostre ragazze. L’avversario, il FFC Südost, insegue direttamente “le capoliste” Rapperswil e Altstetten. Nei primi 25 minuti la contesa rimane equilibrata, entrambe le formazioni hanno le occasioni per portarsi in vantaggio. Purtroppo però, in seguito salgono in cattedra le zurighesi e si fanno più ciniche. Le […]

Read More